Parchi e riserve naturali

Nelle valli o sulle cime delle Alpi occidentali, una vacanza in Piemonte non è mai solo sci, trekking e natura, ma un'esperienza davvero totale. Con cime di oltre 4.000 metri, come il Monte Rosa, il Monviso e il massiccio del Gran Paradiso, il Piemonte offre un mosaico di 95 aree protette, luogo ideale per grande sport e attività all'aria aperta. Vieni a scoprire le tante attività e le straordinarie varietà di flora e fauna che animano il versante piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso, il primo parco nazionale d'Italia, fondato nel 1922, o il Parco Nazionale della Val Grande, con le sue ripide e profonde vallate, le acque cristalline in gole protette da pareti a strapiombo e tanti scorci suggestivi.

 

Di parco in parco nell'Alto Piemonte

Il Parco dell’Alpe Veglia e Devero è il più settentrionale della regione, un’oasi perfetta per l’escursionismo incuneata nelle valli dell’Ossola. Sempre nell’Alto Piemonte, in provincia di Vercelli, il Parco Naturale Alta Valsesia vanta un duplice primato europeo: è l’area protetta più elevata (4.559 metri) nella quale svetta la Capanna Osservatorio Regina Margherita, il rifugio costruito sui 4.554 metri di Punta Gnifetti, nel massiccio del Monte Rosa. All’interno del Parco, compreso nel GeoParco Riserva della Biosfera UNESCO, particolarissimo è il Sentiero glaciologico che documenta le diverse fasi di espansione e ritiro dei ghiacciai del versante sud-orientale del Monte Rosa. Scendendo dalla Valsesia verso la pianura, il Parco del Monte Fenera presenta un particolare sistema carsico che si apre in una rete sotterranea di grotte e cunicoli. Nel Biellese, la tradizione industriale tessile si coniuga con una storica passione per l’ambiente nell’Oasi Zegna, l’esteso polmone verde di 100 metri quadrati ad accesso libero creato dall’industriale Ermenegildo Zegna negli anni ’30, e nel vicino Parco della Burcina Felice Piacenza, vasta riserva naturale speciale sulla collina detta “Brich Burcina”.

Meraviglie naturali nel Torinese

Non lontano da Torino, il Parco Orsiera – Rocciavrè preserva un’area montuosa che alterna valli scoscese a praterie e ampie zone boschive. E il bosco è il simbolo del vicino Parco del Gran Bosco di Salbertrand, una vera e propria foresta mista di abeti, larici e pini cembri, un unicum nello scenario montano del Piemonte. In Val Chisone, si stagliano oltre i 3.000 metri le cime del Parco della Val Troncea, in inverno meta dell’outdoor per trekking, ciaspole e sci – alpinismo. Qui vale la pena inoltrarsi sul sentiero che porta alle miniere di calcopirite del Beth per scoprire le testimonianze della storica attività mineraria che caratterizzò l’area fino ai primi anni del ‘900.

Spirito alpino nel Cuneese

Nel Cuneese, il Parco delle Alpi Marittime è il più esteso parco regionale del Piemonte e, con l’attiguo Parco nazionale francese del Mercantour, forma una delle più vaste aree naturali protette d’Europa. Un tempo riserva di caccia reale, offre una rete ben strutturate di rifugi e bivacchi dove far tappa nelle esplorazioni di un ambiente selvaggio e rigoglioso. Fitti boschi di abete bianco, anticamente affidati alla cura dei locali monasteri di frati Certosini, e un labirinto di grotte, passione degli speleologi, caratterizzano invece il Parco dell’Alta Val Pesio e Tanaro.