ORGANALIA 2020

Eventi speciali
Data
-

I primi concerti di Organalia 2020 si svolgono a Nole, Romano Canavese, Strambino e Moncalieri: musiche dal Rinascimento al Barocco con un’incursione nel Risorgimento italiano, in piena sicurezza per il pubblico e gli interpreti secondo il protocollo anti Covid 19.

Si parte giovedì 18 giugno a Nole, nel Santuario di San Vito martire: l’ensemble piemontese Accademia degli Umoristi propone un concerto dedicato al compositore veneziano Dario Castello (1602 al 1631), con una serie di Sonate concertate in stil moderno grazie alle quali si potranno ascoltare i flauti dolci, i tromboni, la tiorba e il liuto con la presenza dell’organo portativo che per l’edizione 2020 sarà fornito dall’organaro biellese Alessandro Rigola.

Il secondo concerto si terrà sabato 20 a Romano Canavese. Nell’elegante cornice della Chiesa dei Santi Pietro e Solutore ci sarà il ritorno dell’Accademia del Ricercare, ospite fisso di Organalia: ben undici musicisti, accompagnati da sei cantanti, si cimenteranno con le composizioni di Alessandro Stradella (1639-1682) entrando nel merito della Cantata Italiana dell’epoca.

Il terzo appuntamento, venerdì 26, segna il ritorno a Strambino di Organalia nella Chiesa dei Santi Michele e Solutore, esempio mirabile di architettura barocca, con un momento interamente dedicato a padre Davide da Bergamo, eminente esponente del mondo musicale del Risorgimento italiano: un appuntamento unico per la presenza in presbiterio dell’Arsnova Wind Orchestra che eseguirà brani per “musica militare” scritti dal geniale frate, mentre all’organo Serassi siederà il pesarese Luca Scandali.

Venerdì 3 luglio, nella Insigne Collegiata Santa Maria della Scala di Moncalieri, ci sarà il debutto di un ensemble di giovani musicisti piemontesi: Didone Abbandonata, composto da organo, tiorba, liuto Francesco Olivero e controtenore. Il programma prevede brani di Cavalli, Cima, D’India, Frescobaldi, Kapsberger, Kircher, Landi, Monteverdi e Rossi, compositori vissuti tra la seconda metà del Cinquecento e la prima metà del Seicento.

Indirizzo

Italia