CIRCUITO DI SAN CARLO

Zona
Verbano-Cusio-Ossola
Partenza
Cannobio
Arrivo
Valle Cannobina
Distanza in Km
25,50 km
Dislivello salita
1905 m
Dislivello discesa
1305 m
Tempo di percorrenza
11 ore
Quota arrivo
880 m
Quota partenza
200 m
Periodo consigliato
Aprile - Novembre
difficolta percorso escursionismo
Escursionistico
scarica itinerario
gpx
Itinerario registrato Regione Piemonte (L.R. n.12/2010)
Descrizione del percorso

Il Circuito di San Carlo collega i paesi della valle Cannobina e prende il nome da San Carlo Borromeo in ricordo di una visita pastorale che il Santo compì in valle nel 1574. A Gurro l'antica e affascinante “Casa San Carlo” ricorda il luogo dove il santo dormì nel suo viaggio pastorale. Si tratta di un itinerario in due tappe: la prima da Cannobio sul Lago Maggiore a Falmenta, piccolo paesino della Valle Cannobina. La seconda Tappa è un itinerario semicircolare con partenza da Falmenta che raggiunge Cursolo (sulla sponda opposta del T. Cannobino). Il percorso segue quasi interamente belle mulattiere lastricate. Da Falmenta una variante della seconda tappa consente da Gurro di raggiungere direttamente Cursolo accorciando il percorso.

Il territorio della Valle Cannobina, di particolare fascino, conserva ancora incontaminato l’aspetto di un tempo. Il paesaggio è segnato dalle testimonianze della vita contadina tradizionale, basata sia su un’agricoltura di sussistenza. I paesi sono caratterizzati da scorci inattesi, antiche case con dipinti votivi sulle facciate, piccole piazze, rustiche fontane in pietra, che si scoprono percorrendo le strette vie pedonali. Nel tratto di Daila, Provola e Ponte Creves si entra nel Parco Nazionale Valgrande. A Traffiume, prima di Cannobio, il Torrente Cannobino ha scavato una spettacolare forra, l'Orrido di Sant'Anna. Cannobio è l'ultimo paese sulle sponde piemontesi del Lago Maggiore prima del confine con la Svizzera. Per la sua posizione geografica, rappresentava un importante nodo strategico e commerciale ben rappresentata ancora oggi dalla presenza di numerosi palazzi dei sec. XVII-XIX che si affacciano lungo le strade e le vie acciottolate del centro storico come la cinquecentesca dimora di Palazzo Omacini e Palazzo Pironi. A Gurro è possibile visitare il Museo Geologico e il Museo etnografico di Gurro e della Valle Cannobina che raccoglie oggetti tradizionali e costumi della Valle. Il percorso di visita è strutturato in ambienti che ricostruiscono i contesti domestici tipici della Valle Cannobina.

Possibilità di ristoro a: Orrido di Sant'Anna, Lunecco, Ponte Falmenta, Falmenta, Gurro Possibilità di alloggio a Gurro, Cursolo e Orasso

codice_itinerario
CSC
Interesse storico
Interesse storico
Interesse devozionale
Interesse devozionale