Il Piemonte vanta 5 siti UNESCO altamente suggestivi da visitare, per uno straordinario viaggio nel patrimonio storico, religioso, industriale e architettonico della regione.

Il magnifico complesso delle Residenze Reali Sabaude è stato il primo sito riconosciuto dall'UNESCO nel 1997. Da Torino a Cuneo, attraverso il territorio di Langhe Roero e Monferrato, alla scoperta di capolavori architettonici, artistici e paesaggistici unici.

 

Siti Palafitticoli Preistorici delle Alpi a Viverone e Azeglio, nel Canavese, alle porte di Torino, sono dal 2011 Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

 

Viaggiando lungo gli antichi itinerari di spiritualità, lasciati incantare dai 7 Sacri Monti piemontesi (Belmonte, Crea, Domodossola, Ghiffa, Oropa, Orta e Varallo), che, insieme ai due Sacri Monti lombardi di Ossuccio e Varese, hanno ottenuto il riconoscimento UNESCO nel 2003.

 

I meravigliosi Paesaggi vitivinicoli delle Langhe Roero e del Monferrato, patrimonio UNESCO nel 2014, offrono un'emozione indimenticabile, specialmente se ammirati dall’alto di una collina o di un'antica torre.

Nel 2018 il riconoscimento UNESCO ha premiato Ivrea Città industriale del XX secolo , nata dall'innovativo progetto sociale e culturale di Adriano Olivetti. Un'occasione speciale per visitare la città sulle rive Dora Baltea, nel verde Canavese, a poca distanza da Torino.

 

Il Piemonte, inoltre, ad oggi conta tre aree nel Network mondiale delle Riserve della Biosfera MAB (Man and Biosphere) UNESCO, creato con l’obiettivo di promuovere un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso la tutela della biodiversità e le buone pratiche dello sviluppo sostenibile. Si tratta del Parco Naturale del Monviso, la prima Riserva transfrontaliera italiana dell’Unesco. Estesa tra Italia e Francia, sul versante italiano comprende il Parco regionale del Monviso, dominato dal Monviso, il “Re di pietra” e più alta cima delle Alpi Cozie (3.842 metri); della Riserva Ticino Val Grande Verbano, che raggruppa oltre 200 Comuni distribuiti in 5 province tra Piemonte e Lombardia, e della Riserva della Biosfera Collina Po , estesa tra il Parco del fiume Po e la collina di Torino.

 

Per il suo particolare patrimonio geologico, inoltre, dal 2015 il Sesia Val Grande GeoPark è entrato a far parte dell’ “UNESCO Global Geoparks Network”. Il Geoparco della Valsesia e della Val Grande è un paradiso da esplorare tra il Lago Maggiore e il Monte Rosa, al confine con la Valle d’Aosta.

 

Nata nel 2004 con l’obiettivo di creare un network di realtà urbane che hanno fatto della creatività il motore dello sviluppo economico, la rete internazionale delle Città Creative UNESCO annovera la presenza del Piemonte con Torino, attualmente unica città italiana ad aver ottenuto il riconoscimento per la categoria “Design”, e Alba, proclamata Città Creativa per la Gastronomia. Nel 2019 anche Biella, storica capitale italiana del tessile, ha presentato la candidatura per entrare a far parte delle Città Creative nella sezione “Crafts & Folk Arts” ed è in attesa di conoscere i risultati, che saranno resi noti nel novembre 2019.